Posts filed under 'Videos'

Growing up (Good Will Hunting)

Robin Williams and Matt Damon in one of the greatest scenes of the movie history, from Good Will Hunting. A wonderful monologue about growth, love, war and stereotypes.

Sean: I thought about what you said to me the other day, about my painting.
Will: Yeah?
Sean: Stayed up half the night thinking about it. Something occurred to me…I fell into a deep peaceful sleep, and haven’t thought about you since. Do you know what occurred to me?
Will: No.
Sean: You’re just a kid, you don’t have the faintest idea what you’re talkin’ about.
Will: Why thank you.
Sean: It’s all right. You’ve never been out of Boston.
Will: Nope.
Sean: So if I asked you about art, you’d probably give me the skinny on every art book ever written. Michelangelo, you know a lot about him. Life’s work, political aspirations, him and the pope, sexual orientations, the whole works, right? But I’ll bet you can’t tell me what it smells like in the Sistine Chapel. You’ve never actually stood there and looked up at that beautiful ceiling; seen that. If I ask you about women, you’d probably give me a syllabus about your personal favorites. You may have even been laid a few times. But you can’t tell me what it feels like to wake up next to a woman and feel truly happy. You’re a tough kid. And I’d ask you about war, you’d probably throw Shakespeare at me, right, “once more unto the breach dear friends.” But you’ve never been near one. You’ve never held your best friend’s head in your lap, watch him gasp his last breath looking to you for help. I ask you about love, you’d probably quote me a sonnet. But you’ve never looked at a woman and been totally vulnerable — known someone that could level you with her eyes. Feeling like god put an angel on Earth just for you. That could rescue you from the depths of hell. And you wouldn’t know what it’s like to be her angel. To have that love for her, be there for forever. Through anything, through cancer. And you wouldn’t know about sleeping sitting up in a hospital room for two months holding her hand, because the doctors could see in your eyes that the term ‘visiting hours’ don’t apply to you. You don’t know about real loss, because that only occurs when you love something more than you love yourself. I doubt you’ve ever dared to love anybody that much. I look at you — I don’t see an intelligent, confident man. I see a cocky, scared-shitless kid. But you’re a genius Will, no one denies that. No one could possibly understand the depths of you. But you presume to know everything about me, because you saw a painting of mine, and you ripped my fuckin’ life apart. You’re an orphan right?
[Will nods]
Sean: You think I know the first thing about how hard your life’s been, how you feel, who you are, because I read Oliver Twist? Does that encapsulate you? Personally… I don’t give a shit about all that, because you know what, I can’t learn anything from you, I can’t read in some fuckin’ book. Unless you want to talk about you, who you are. Then I’m fascinated. I’m in. But you don’t want to do that do you sport? You’re terrified of what you might say. Your move, chief.

Add comment June 1st, 2009

A silent guardian, a watchful protector

Please follow the video on http://www.youtube.com/watch?v=2urqJCC0DPI
(sorry, embedding is disabled)

Kid: Dad! Dad, is you ok?
[Batman prevents Gordon from calling help]
Gordon: Thank you!
Batman: You don’t have to thank me.
G: Yes, I do.
[looking at Harvey Dent]
G: The Joker won… Harvey’s prosecution, everything he fought for… undone. Whatever chance you gave us of fixing our city… dies with Harvey’s reputation. We bet it all on him. The Joker took the best of us and tore him down. People will lose all hope.
B: They won’t. They must never know what he did.
G: Five dead? Two of them cops? You can’t…
B: The Joker cannot win. Gotham needs its true hero.
G: No.
B: You either die a hero, or you live long enough to see yourself become the villain. I can do those things, because I’m not a hero. I like that. I killed those people. That’s what I can be.
G: No, no, no! You can’t, you’re not!
B: I am whatever Gotham needs me to be.
[at Harvey’s funeral]
G: A hero. Not a hero we deserved, but a hero we needed. Nothing less than a knight. Shining…
[back in the night dialogue]
G: They’ll hunt you.
B: You’ll hunt me, you’ll condemn me. Set the dogs on me. Because it’s what needs to happen. Because, sometimes, truth isn’t good enough. Sometimes people deserve more. Sometimes people deserve their faith… rewarded.
[Batman runs away in the night]
K: Batman! Batman! Why is he running, dad?
G: Because we have to chase him.
Policeman: Ok, we’re going in! Go, go! Move!
K: He didn’t do anything wrong.
G: Because he’s the hero Gotham deserves, but not the one it needs right now. So, we’ll hunt him. Because he can take it. Because he’s not a hero. He’s a silent guardian, a watchful protector. The Dark Knight.

4 comments May 25th, 2009

The Gollum’s Song

Come adeguato contraltare ai momenti di intensa gioia, la vicenda dell’hobbit Gollum, personaggio prodotto dalla penna di J.R.R. Tolkien. Una creatura la cui vita scorreva serena, prima dell’infausto incontro con l’Unico Anello, che lo renderà schiavo del suo volere. Gollum si isola dal mondo per godere, solo, del possesso dell’Anello, salvo poi dover lottare per riconquistarlo dopo il furto subito da parte di Bilbo Baggins.
Gollum invocherà pietà e romperà patti, elemosinerà cibo e lotterà con tutte le sue forze per, eternamente, possedere l’Unico Anello.

Ed è quello a cui penso quando ascolto Long ways to go yet, che per inciso è la traccia dei Complete Recordings della colonna sonora che include questo brano: The Gollum’s Song, con la voce, magnifica, di Emiliana Torrini.

Where once was light
Now darkness falls
Where once was love
Love is no more
Don’t say “goodbye”
Don’t say “I didn’t try”

These tears we cry
Are falling rain
For all the lies you told us
The hurt, the blame
And we will weep
To be so alone
We are lost
We can never go home

So in the end
I’ll be, what I will be
No loyal friend
Was ever there for me
Now we say “goodbye”
We say “you didn’t try”

These tears you cry
Have come to late
Take back the lies
The hurt, the blame
And you will weep
When you face the end alone
You are lost
You can never go home
You are lost
You can never go home

Aggiornamento: Corretto un link errato. Grazie Faber ! 😉

Add comment May 15th, 2009

WoW, this is just… wow!

Dopo l’atterraggio in collegio delle prime sottoscrizioni a pagamento (del piano) per i server ufficiali di World Of Warcraft e mio seguente, ovvio, stretto interessamento (limitato alle sole osservazione e partecipazione morale, per vari motivi), non potevo non dedicare un breve post al GDR online più accattivante di tutti i tempi (nonostante io lo usi come metro, negativo, di comparazione della versione 4 di Dungeons & Dragons, tutta abilità e tempi di cooldown), che non sembra soffrire problemi di età o sovrappopolazione. Anzi, scherzando (ma non troppo), immaginavo con i miei colleghi di collegio gli esperimenti sociologici che si potrebbero fare su una tanto vasta quantità di personaggi e giocatori. Alcuni test, molto semplici, sono già stati condotti nell’Auction House. 😉
I video introduttivi del gioco originale e delle due espansioni (The Burning Crusade e Wrath of the Lich King) dopo il readmore.

Four years have passed since the mortal races banded together and stood united against the might of the Burning Legion. Though Azeroth was saved, the tenuous pact between the Horde and the Alliance has all but evaporated. The drums of war thunder, once again.

Illidan Stormrage racconta la sua vicenda:

Imprisoned for ten thousand years, banished from my own homeland… and now you dare enter my realm? You are not prepared… YOU ARE NOT PREPARED!

Terenas Menethil parla a suo figlio Arthas (protagonista del video):

My son, the day you were born the very forest of Lordaeron whispered the name… Arthas. My child, I watched with pride as you grew into a weapon of righteousness. Remember, our line has always ruled with wisdom and strength and I know you will show restraint when exercising your great power. But the truest victory, my son, is stirring the hearts of your people. I tell you this: for when my days have come to an end, you shall be… king!

3 comments May 8th, 2009

La festa dei (veri) lavoratori

Se c’è una canzone che dovrebbe essere cantata in occasione di ogni Primo Maggio, questa è Contessa. La canzone dei lavoratori, quelli veri: non di coloro che fanno finta di lavorare dietro una lucida scrivania, organizzando in realtà la prossima partita a golf.

Il Quarto Stato

Segue una versione cantata dai Modena City Ramblers, precedente all’autocensura di democristiano stampo. Buon ascolto e (soprattutto) buona riflessione.

Che roba contessa all’industria di Aldo,
han fatto uno sciopero quei quattro ignoranti,
volevano avere i salari aumentati,
dicevano, pensi, di essere sfruttati.
E quando è arrivata la polizia
quei quattro straccioni han gridato più forte,
di sangue han sporcato i cortili e le porte,
chissà quanto tempo di vorrà per pulire.

Compagni dai campi e dalle officine
prendete la falce e portate il martello
scendete giù in piazza e picchiate con quello
scendete giù in piazza e affossate il sistema.
Voi gente per bene che pace cercate,
la pace per fare quello che voi volete,
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra,
vogliamo vedervi finire sottoterra.
Ma se questo è il prezzo lo abbiamo pagato,
nessuno più al mondo dev’essere sfruttato.

Sapesse, contessa, che cosa mi ha detto
un caro parente dell’occupazione,
che quella gentaglia rinchiusa là dentro
di libero amore facea professione.
Del resto mia cara, di che si stupisce,
anche l’operaio vuole il figlio dottore
e pensi che ambiente ne può venir fuori,
non c’è più morale contessa.

Se il vento fischiava ora fischia più forte,
le idee di rivolta non sono mai morte,
se c’è chi lo afferma non state a sentire
è uno che vuole soltanto tradire.
Se c’è chi lo afferma sputategli addosso,
la bandiera rossa ha gettato in un fosso.
Voi gente per bene che pace cercate,
la pace per fare quello che voi volete,
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra,
vogliamo vedervi finire sottoterra.
Ma se questo è il prezzo lo abbiamo pagato,
nessuno più al mondo dev’essere sfruttato.

Add comment May 1st, 2009

I cento passi

È il momento delle eco del passato (vicino e remoto) e dell’immediato futuro (domani). Sì, le eco viaggiano anche indietro nel tempo.

I cento passi, Modena City Ramblers, da ¡Viva la vida, muera la muerte!.
Alcune immagini tratte dall’omonimo film di Marco Tullio Giordana.
(ancora fortissima l’impressione di vedere le bandiere rosse del funerale del film, rese bianche dal filtro b/n)

“Sei andato a scuola? Sai contare?”
“Come contare?”
“Come contare? 1,2,3,4,sai contare?”
“Si, so contare”
“Sai camminare?”
“So camminare”
“E contare e camminare insieme lo sai fare?”
“Si! Penso di si!”
“Allora forza! Conta e cammina! dai… 1,2,3,4,5,6,7,8…”
“Dove stiamo andando?”
“Forza! Conta e cammina!… 90,91,92,93,94,95,96,97,98,99 e 100! Lo sai chi ci abita qua? Ah? U zù Tanu ci abita qua!! Cento passi ci sono da casa nostra, cento passi!”

È nato nella terra dei vespri e degli aranci,
tra Cinisi e Palermo parlava alla sua radio..
Negli occhi si leggeva la voglia di cambiare,
la voglia di giustizia che lo portò a lottare..
Aveva un cognome ingombrante e rispettato,
di certo in quell’ambiente da lui poco onorato..
Si sa dove si nasce, ma non come si muore
e non se un’ideale ti porterà dolore..
Ma la tua vita adesso puoi cambiare
solo se sei disposto a camminare,
gridando forte senza aver paura
contando cento passi lungo la tua strada..
Allora.. 1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!

“Noi ci dobbiamo ribellare”

Poteva come tanti scegliere e partire,
invece lui decise di restare.
Gli amici, la politica, la lotta del partito,
alle elezioni si era candidato.
Diceva da vicino li avrebbe controllati,
ma poi non ebbe tempo perché venne ammazzato.
Il nome di suo padre nella notte non è servito,
gli amici disperati non l’hanno più trovato.
Allora dimmi se tu sai contare,
dimmi se sai anche camminare,
contare, camminare insieme a cantare
la storia di Peppino e degli amici siciliani
Allora.. 1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!

Era la notte buia dello Stato Italiano,
quella del nove maggio settantotto.
La notte di via Caetani, del corpo di Aldo Moro,
l’alba dei funerali di uno stato.
Allora dimmi se tu sai contare,
dimmi se sai anche camminare,
contare, camminare insieme a cantare
la storia di Peppino e degli amici siciliani…
Allora.. 1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!

“E’ solo un mafioso, uno dei tanti”
“E’ nostro padre”
“Mio padre! La mia famiglia! Il mio paese! Io voglio fottermene!
Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda! Io voglio urlare!”

Add comment April 30th, 2009

Perché sono solo (nessun prete lo accompagnò)

Tutti hanno d’avanzo
sol io sono come chi tutto ha abbandonato.
Oh, il mio cuore di stolto
quanto è confuso!
L’uomo comune è così brillante
sol io sono tutto ottenebrato,
l’uomo comune in tutto s’intromette,
sol io di tutto mi disinteresso,
agitato sono come il mare,
sballottato sono come chi non ha punto fermo.
Tutti gli uomini sono affaccendati
sol io sono ebete come villico.
Solo io mi differenzio dagli altri
e tengo in gran pregio la madre che nutre.

Tao Tê Ching, XX, 78

Allego video trovato online:

2 comments April 27th, 2009

25 aprile, giorno dei caduti di Salò

Un titolo provocatorio per far riflettere (com’è abitudine dell’editore di questo blog).
Non pretendo di sostenere una tesi pubblicamente su queste pagine, ma preferisco iniettare nei lettori il germe del dubbio, al massimo come preludio ad una discussione di persona (o per telefono, se le distanze non lo permettono). Ciononostante, le parole spese negli ultimi giorni sulla ricorrenza della liberazione dell’Italia dal giogo nazifascista hanno a volte travalicato il limite del grottesco.
Dunque, una dose di rap molfettese a beneficio delle vostre sinapsi: Pimpami la storia, di Caparezza, dall’album Le dimensioni del mio caos.

Bella prof e che schifo Garibaldi, vestito dai saldi, peloso come Garfield. Via la camicia rossa e dagli una t-shirt Trussardi su jeans Cavalli. Sulla faccia lenti a goccia Ray Ban e poi taglia la barba a sta capoccia da Imam. Un nunchaku da Jackie Chan gli dà più charme, ora si che Gary c’ha i più fieri dei fans. Bella! Mondiale la seconda guerra ma su sto libro è dato che abbiamo ingoiato merda! È regolare che non studia nessuno, scrivi: Italia batte resto del mondo 18 a 1. I campioni siamo noi, siamo noi perciò aggiungi “Po po po po po”. Il capitano fa goal, bordello come Gogol, storia XL non una small, pimpala! Questa è la storia prof, la vera storia prof, lo dice uno che se esce dal culo fa “plof”.

Bella prof, pimpami la storia… che storia! (rit.)

Si stava meglio quando si stava peggiorando, gli oppositori traditori peggio di Ronaldo non li mandavano al fresco di una cella, ma al caldo dei Caraibi su navi di Jack Sparrow. Prof, il ventennio pimpamelo, scrivi che i partigiani quel tempo lo vissero di relax in pedalò, piedi nudi nei sabot, 25 aprile giorno dei caduti di Salò. Umberto di Savoia non andò via, ma che repubblica, la gente vota monarchia. Non c’è partita tra re e democrazia, come mettere la PSP col Game Gear. E la costituzione è un cd con una traccia, l’ultima hit da spiaggia. Il nonno di Eminem minaccia: “Tutta l’Europa deve suonare il piano Marshall!” Questa è la storia prof, mi prende un sacco prof, tipo che quella di un cosacco di nome Popoff.

Bella prof, pimpami la storia… che storia! (rit.)

Dalla mia storia cancella i fricchettoni, con la spada nel braccio, non nel cuore come Little Tony. Questi fattoni sempre sotto i riflettori. Scrivi che gli hippy se ne stavano zitti e buoni. Gli anni di piombo, le stragi, i sequestri, ma no, non mi interessano argomenti come questi. Io di quei tempi voglio ricordare solo “La liceale nella classe dei ripetenti”.

Così funziona e per fortuna fa trend, il vecchio libro lo rottamo tipo Duna Weekend. Adesso serve un finale potente che terrorizzi l’occidente più dell’urlo di Chen. Da qui in avanti qualunque cosa succeda, scrivi che la colpa è di Al Quaeda. Me l’hai pimpata di brutto prof, vedrai patiti della storia fin dalla scuola media. Questa è la storia prof, la vera storia prof e non c’è niente da ridere non è Zelig Off.

Bella prof, pimpami la storia… che storia! (rit.)

5 comments April 25th, 2009

Ave Maria (De André)

Maria, come generico nome di donna, privo di ogni connotazione religiosa. Maria come immagine di maternità e legame travagliato. Maria cantata da un non credente, in un già citato album da brividi: La buona novella.

E te ne vai, Maria, fra l’altra gente
che si raccoglie intorno al tuo passare,
siepe di sguardi che non fanno male
nella stagione di essere madre.

Sai che fra un’ora forse piangerai
poi la tua mano nasconderà un sorriso:
gioia e dolore hanno il confine incerto
nella stagione che illumina il viso.

Ave Maria, adesso che sei donna,
ave alle donne come te, Maria,
femmine un giorno per un nuovo amore
povero o ricco, umile o Messia.

Femmine un giorno e poi madri per sempre
nella stagione che stagioni non sente.

(per tutti coloro che stanno leggendo il post via qualche meccanismo di embedding e non vedono tutto il contenuto: il post originale è qui: http://dark.asengard.net/blog/2009/04/15/ave-maria-de-andre/)

Add comment April 15th, 2009

Cammina solo (Caparezza)

Il Caparezza vecchia scuola, album omonimo, il primissimo.
Cammina solo, dedicato a chi sa.

Non rappresento che me stesso perchè questo sono, se sbaglio mi perdono, prima di essere MC sii uomo mi ripeto, fa mille passi indietro e il risultato è che non mi sento per niente arrivato, anzi sto bene anche a cibarmi degli avanzi dei padroni sazi e mi piglio spazi se me li concedono, sennò me li lascio fottere: detesto combattere, che vuoi farci? È carattere! Sbattere testa contro le porte è il mio forte, sono il gallo da spennare per chi bara alle carte, giullare di corte messo a morte e poi salvato da una chance; lascerei la musica, ma sta stronza mi fa le avances e non resisto, mi do in pasto alla lingua che mastico, investo in testi che vesto di stracci e mi riduco al lastrico, nella testa un mistico richiamo, poema indiano che mi prende per mano e mi dice: “Andiamo!”

Se non rispondono al tuo appello, cammina solo, cammina solo.
Se non rispondono al tuo appello, cammina solo, cammina solo.

Detesto l’odio ma l’ho visto venir fuori dagli occhi di alcuni interlocutori, hanno motivi loro e i loro sguardi sono come lastre di ghiaccio, si scioglieranno a poco a poco al fuoco di ciò che faccio. Se il rancore resta onestamente non mi resta niente da fare che alzare i tacchi e andare, menare, via, cullarmi nel tepore di ogni mano che ha stretto la mia, avere Dio come terapia: sarà la miopia ma faccio fatica a inquadrare la retta via, voglio te per compagnia, portami in balia della gente, dove c’è amore, lì sarò presente anch’io. Ti cedo il posto mio: non è per vincere che vivo ma per ardere, perciò se dovrò perdere lasciatemi perdere e avrò perso, cosciente che non sono né peggiore né migliore di nessuno finchè sarò diverso.

Se non rispondono al tuo appello, cammina solo, cammina solo.
Se non rispondono al tuo appello, cammina solo, cammina solo.

Se mi ritrovo sull’incudine, sotto un martello di solitudine, colpo su colpo come un polpo sullo scoglio muoio, ma ci farò l’abitudine. Se non lo sai cominciai per scherzo, come un bimbo immobile nell’automobile con le mani sullo sterzo verso nuovi orizzonti, sopra e sotto i ponti, davanti a piatti pronti, pagato con assegni fatti di saldi e sconti. Tra re, regine e fanti cercai clemenza, mò non vado in
vacanza prima di aver lasciato una testimonianza di ciò che sono, coi miei tanti nomi, le contraddizioni; appartengo ad una strana scena: quella degli esseri umani. Credo ai meriti che conquisto, credo in Cristo perchè l’ho visto,
credo al rischio dell’incomprensione, credo nelle persone, nella consolazione, nella mia devozione, in ogni azione pacifica: detesto l’astio che ramifica, la cassa che lo amplifica, canto il mio Magnificat come un pazzo a mare e monti, ignoranti e colti, sperando che qualcuno ascolti.

Se non rispondono al tuo appello, cammina solo, cammina solo.
Se non rispondono al tuo appello, cammina solo, cammina solo.

Add comment April 13th, 2009

Next Posts Previous Posts


Rate:  

Calendar

December 2018
M T W T F S S
« Feb    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Badges

Posts by Month

Posts by Category

What's played in the cave