Archive for May, 2009

A silent guardian, a watchful protector

Please follow the video on http://www.youtube.com/watch?v=2urqJCC0DPI
(sorry, embedding is disabled)

Kid: Dad! Dad, is you ok?
[Batman prevents Gordon from calling help]
Gordon: Thank you!
Batman: You don’t have to thank me.
G: Yes, I do.
[looking at Harvey Dent]
G: The Joker won… Harvey’s prosecution, everything he fought for… undone. Whatever chance you gave us of fixing our city… dies with Harvey’s reputation. We bet it all on him. The Joker took the best of us and tore him down. People will lose all hope.
B: They won’t. They must never know what he did.
G: Five dead? Two of them cops? You can’t…
B: The Joker cannot win. Gotham needs its true hero.
G: No.
B: You either die a hero, or you live long enough to see yourself become the villain. I can do those things, because I’m not a hero. I like that. I killed those people. That’s what I can be.
G: No, no, no! You can’t, you’re not!
B: I am whatever Gotham needs me to be.
[at Harvey’s funeral]
G: A hero. Not a hero we deserved, but a hero we needed. Nothing less than a knight. Shining…
[back in the night dialogue]
G: They’ll hunt you.
B: You’ll hunt me, you’ll condemn me. Set the dogs on me. Because it’s what needs to happen. Because, sometimes, truth isn’t good enough. Sometimes people deserve more. Sometimes people deserve their faith… rewarded.
[Batman runs away in the night]
K: Batman! Batman! Why is he running, dad?
G: Because we have to chase him.
Policeman: Ok, we’re going in! Go, go! Move!
K: He didn’t do anything wrong.
G: Because he’s the hero Gotham deserves, but not the one it needs right now. So, we’ll hunt him. Because he can take it. Because he’s not a hero. He’s a silent guardian, a watchful protector. The Dark Knight.

4 comments May 25th, 2009

The Gollum’s Song

Come adeguato contraltare ai momenti di intensa gioia, la vicenda dell’hobbit Gollum, personaggio prodotto dalla penna di J.R.R. Tolkien. Una creatura la cui vita scorreva serena, prima dell’infausto incontro con l’Unico Anello, che lo renderà schiavo del suo volere. Gollum si isola dal mondo per godere, solo, del possesso dell’Anello, salvo poi dover lottare per riconquistarlo dopo il furto subito da parte di Bilbo Baggins.
Gollum invocherà pietà e romperà patti, elemosinerà cibo e lotterà con tutte le sue forze per, eternamente, possedere l’Unico Anello.

Ed è quello a cui penso quando ascolto Long ways to go yet, che per inciso è la traccia dei Complete Recordings della colonna sonora che include questo brano: The Gollum’s Song, con la voce, magnifica, di Emiliana Torrini.

Where once was light
Now darkness falls
Where once was love
Love is no more
Don’t say “goodbye”
Don’t say “I didn’t try”

These tears we cry
Are falling rain
For all the lies you told us
The hurt, the blame
And we will weep
To be so alone
We are lost
We can never go home

So in the end
I’ll be, what I will be
No loyal friend
Was ever there for me
Now we say “goodbye”
We say “you didn’t try”

These tears you cry
Have come to late
Take back the lies
The hurt, the blame
And you will weep
When you face the end alone
You are lost
You can never go home
You are lost
You can never go home

Aggiornamento: Corretto un link errato. Grazie Faber ! 😉

Add comment May 15th, 2009

WoW, this is just… wow!

Dopo l’atterraggio in collegio delle prime sottoscrizioni a pagamento (del piano) per i server ufficiali di World Of Warcraft e mio seguente, ovvio, stretto interessamento (limitato alle sole osservazione e partecipazione morale, per vari motivi), non potevo non dedicare un breve post al GDR online più accattivante di tutti i tempi (nonostante io lo usi come metro, negativo, di comparazione della versione 4 di Dungeons & Dragons, tutta abilità e tempi di cooldown), che non sembra soffrire problemi di età o sovrappopolazione. Anzi, scherzando (ma non troppo), immaginavo con i miei colleghi di collegio gli esperimenti sociologici che si potrebbero fare su una tanto vasta quantità di personaggi e giocatori. Alcuni test, molto semplici, sono già stati condotti nell’Auction House. 😉
I video introduttivi del gioco originale e delle due espansioni (The Burning Crusade e Wrath of the Lich King) dopo il readmore.

Four years have passed since the mortal races banded together and stood united against the might of the Burning Legion. Though Azeroth was saved, the tenuous pact between the Horde and the Alliance has all but evaporated. The drums of war thunder, once again.

Illidan Stormrage racconta la sua vicenda:

Imprisoned for ten thousand years, banished from my own homeland… and now you dare enter my realm? You are not prepared… YOU ARE NOT PREPARED!

Terenas Menethil parla a suo figlio Arthas (protagonista del video):

My son, the day you were born the very forest of Lordaeron whispered the name… Arthas. My child, I watched with pride as you grew into a weapon of righteousness. Remember, our line has always ruled with wisdom and strength and I know you will show restraint when exercising your great power. But the truest victory, my son, is stirring the hearts of your people. I tell you this: for when my days have come to an end, you shall be… king!

3 comments May 8th, 2009

La festa dei (veri) lavoratori

Se c’è una canzone che dovrebbe essere cantata in occasione di ogni Primo Maggio, questa è Contessa. La canzone dei lavoratori, quelli veri: non di coloro che fanno finta di lavorare dietro una lucida scrivania, organizzando in realtà la prossima partita a golf.

Il Quarto Stato

Segue una versione cantata dai Modena City Ramblers, precedente all’autocensura di democristiano stampo. Buon ascolto e (soprattutto) buona riflessione.

Che roba contessa all’industria di Aldo,
han fatto uno sciopero quei quattro ignoranti,
volevano avere i salari aumentati,
dicevano, pensi, di essere sfruttati.
E quando è arrivata la polizia
quei quattro straccioni han gridato più forte,
di sangue han sporcato i cortili e le porte,
chissà quanto tempo di vorrà per pulire.

Compagni dai campi e dalle officine
prendete la falce e portate il martello
scendete giù in piazza e picchiate con quello
scendete giù in piazza e affossate il sistema.
Voi gente per bene che pace cercate,
la pace per fare quello che voi volete,
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra,
vogliamo vedervi finire sottoterra.
Ma se questo è il prezzo lo abbiamo pagato,
nessuno più al mondo dev’essere sfruttato.

Sapesse, contessa, che cosa mi ha detto
un caro parente dell’occupazione,
che quella gentaglia rinchiusa là dentro
di libero amore facea professione.
Del resto mia cara, di che si stupisce,
anche l’operaio vuole il figlio dottore
e pensi che ambiente ne può venir fuori,
non c’è più morale contessa.

Se il vento fischiava ora fischia più forte,
le idee di rivolta non sono mai morte,
se c’è chi lo afferma non state a sentire
è uno che vuole soltanto tradire.
Se c’è chi lo afferma sputategli addosso,
la bandiera rossa ha gettato in un fosso.
Voi gente per bene che pace cercate,
la pace per fare quello che voi volete,
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra,
vogliamo vedervi finire sottoterra.
Ma se questo è il prezzo lo abbiamo pagato,
nessuno più al mondo dev’essere sfruttato.

Add comment May 1st, 2009


Rate:  

Calendar

May 2009
M T W T F S S
« Apr   Jun »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Badges

Posts by Month

Posts by Category

What's played in the cave